Inizio della Quaresima

06.03.2019

Domenica scorsa abbiamo festeggiato il carnevale con i bambini. Alcuni si sono camuffati, si sono infilati in testa maschere strane, e hanno assunto un altro ruolo. E questo accade in effetti sempre più spesso anche nelle nostre vite, che ci mostriamo cioè in modo diverso da come siamo in realtà. Ci si mostra agli altri come amichevoli, gentili, educati, corretti, nonostante conosciamo anche il lato oscuro della nostra vita.

Questo è probabilmente il pericolo che corriamo tutti: smarrire il nostro vero essere sotto i "ruoli" che adottiamo. Chi sono io o qual è la mia identità? Una domanda molto importante che preferiremmo evitare, perché mette in discussione la nostra vita e talvolta ci fa anche stare male. Per rispondere a questa domanda ci vuole molto tempo, una conversione e un periodo di sosta.

Precisamente questo è il significato e il senso di questa Quaresima, che iniziamo oggi in preparazione alla Pasqua. Con il Mercoledì delle Ceneri iniziamo questo periodo: un periodo di conversione; un periodo per tornare alla calma e per riflettere su come va la nostra vita. La Quaresima dovrebbe essere per noi qualcosa di "più" di un semplice tempo di rinuncia. Dovrebbe aiutarci a riscoprire i veri "generi di sostentamento" per lo spirito e a tornare a cercarli.

Il teologo tedesco Lothar Zenetti sottolineava questo punto quando diceva: "Entra nella tua camera, entra nella tua camera oscura e sviluppa lì l'immagine che Dio ha fatto di te". L'invito è ancora valido per noi oggi, per percorrere questa strada di riscoperta e per riflettere su ciò che Dio ha in programma riguardo a noi e alle nostre vite.

In questo senso, auguro a tutti noi un tempo quaresimale meditativo e benedetto dal Signore.

P. Thomas Manalil OFM Conv.